Bartender: chi è e come diventarlo

Bartender: chi è e come diventarlo

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Nel corso degli ultimi anni, la carriera del bartender viene intrapresa da una quantità sempre maggiore di veri appassionati. Vuoi diventare anche tu un autentico artista dei cocktail? Scopri insieme a noi tutte le caratteristiche di una professione in netta crescita, con la nascita di varie scuole di formazione e la distinzione con altre figure lavorative simili solo all'apparenza.

 

BARTENDER:CHI è E COME DIVENTALO [Sommario]


Spesso anche molte imprese di catering hanno tra il loro personale bravi ed esperti bartender capaci di servire con arte e professionalità eventi di diverse tipologie, dalle feste private come compleanni, feste di laurea o feste a tema agli eventi aziendali organizzati per incentivare lo spirito di gruppo in serate di festa e divertimento.

Discoteche, cocktai lbar, disco pub e locali notturni sono costantemente alla ricerca di bartender preparati, aggiornati secondo le ultime tendenze e capaci di gestire anche grandi quantità di persone, garantendo loro retribuzioni che possono in certi casi molto esclusivi anche arrivare alle 300-400 euro a sevizio. Ma come diventare bartender? Scopriamolo insieme.

Per quali eventi lavora il bartender professionista

BARTENDER PROFESSIONISTA: PER QUALI EVENTI LAVORA

 

Un bartender professionista deve essere capace di mantenere elevati standard in materia di qualità e rapidità, oltre ad avere uno stile fuori dal comune. Se hai intenzione di coltivare tale passione, sappi che puoi lavorare in diverse circostanze. Fra gli eventi per i quali un bartender viene maggiormente richiesto, ti segnaliamo senz'altro le serate in discoteca, o anche i party a tema e i dj set. Oltre ai classici bar, anche i pub possono richiedere un profilo lavorativo del genere.

Ultimamente i bartender vengono contrattati anche da persone che organizzano eventi e feste private, compleanni, feste di laurea e, specialmente in grandi città come per esempio Milano, Roma e Bologna, vengono contrattati da grandi marchi di alcolici per servire durante i loro eventi promozionali. Non ti resta altro da fare che metterti in gioco e mostrare a tutti la tua creatività, cercare i canali giusti per farti conoscere e cominciare.

La differenza tra barista, barman e bartender

bartender barman e barista

 

Prima di continuare a scoprire come diventare bartender, dovresti conoscere le differenze tra barista, barman e bartender. Vediamo le caratteristiche di tutte e tre le categorie:

- Il barista si occupa della preparazione e della vendita di cibi e bibite ed esercita la propria professione all'interno di bar, hotel e ristoranti.
- Il barman cura la realizzazione di bevande alcoliche come drink e cocktail e lavora prettamente in pub e discoteche.
- Il bartender è l'evoluzione ideale delle due figure precedenti e prepara soprattutto bevande alcoliche, adottando uno stile personale e lavorando con velocità e precisione. Le sue sedi di lavoro principali sono pub e discoteche ad alta concentrazione di pubblico.

COME DIVENTARE BARMAN PER FESTE PRIVATE? 

 SCOPRI

CHI È il bartender acrobatico

BARTENDER ACROBATICO

 

In tempi recenti, si è fatta molto strada la moderna figura del bartender acrobatico, capace di catturare l'attenzione dei presenti grazie a movimenti ben coordinati. Il bartending acrobatico è una disciplina in continua evoluzione, caratterizzata da una sequenza di tecniche ben precise che fanno parte del flair system.

Il cosiddetto flair bartending si concretizza mediante la consegna di drink e cocktail in maniera molto creativa, con bicchieri e bottiglie lanciati all'improvviso e passati dietro la schiena. Il sistema è pratico e veloce e fa in modo che gli stessi clienti possano interagire tra loro, con la chance di fare nuove conoscenze interessanti. 

Quanto tempo serve per diventare bartender

QUANTO TEMPO SERVE PER DIVENTARE BARTENDER

 

Se vuoi davvero diventare un bartender di successo, sappi che tale mestiere non può essere improvvisato. Possono passare anche diversi anni prima di acquisire la piena padronanza di una disciplina sempre all'avanguardia. Se hai intenzione di coltivare questa passione, devi sostanzialmente seguire tre passaggi:

  • frequentare un corso da bartender
  • recarsi presso i seminari dei professionisti del settore
  • osservare i bartender professionisti in occasione del loro lavoro


Col passare del tempo, noterai un netto miglioramento delle tue competenze. Ovviamente, devi agire con impegno e pazienza per ottenere risultati soddisfacenti in tempi brevi.

Kit e attrezzature da bartender

BARTENDER KIT

 

Di quali attrezzature necessita un bartender per lavorare nella maniera migliore? Prima di tutto, sappi che in questo senso le differenze con i kit utilizzati dai barman non sono poi così marcate. Ad esempio, non puoi fare a meno dello shaker, essenziale per la preparazione di long drink e cocktail in grado di entusiasmare anche i palati più fini.

Da non dimenticare neanche il Bar Organizer, una semplice scatoletta che ti permette di portare con te tutti gli elementi necessari per il tuo lavoro, dalle cannucce ai piccoli tovaglioli passando per gli stecchini.

Il Bar Spoon è un cucchiaino da bar che ti fa realizzare i cocktail che non hanno bisogno dello shaker, mentre il Blender è una sorta di frullatore che ti fa mischiare i vari ingredienti liquidi, soliti e ghiacciati.

Se invece vuoi mettere in mostra tutte le tue doti acrobatiche, devi avere a portata di mano una Flair Bottle, ossia un particolare tipo di bottiglia resistente agli urti ed infrangibile. Agli utensili già citati, aggiungete il pestello, la paletta del ghiaccio e un comodo colino con manico.

Quanto guadagna un bartender da quando inizia fino al top della carriera

GUADAGNO BARTENDER

 

I guadagni dei bartender sono molto difficili da quantificare e variano in base all'esperienza di una figura del genere nel proprio settore.

La retribuzione di base per chi si sta accostando a questo mestiere non è così elevata. Si parte da 21 euro all'ora per i bartender di terzo livello, pari a circa 22500 euro lordi su base annuale.

Si sale invece a circa 30 euro orari (30000 lordi annuali) in caso di crescita di livello.

Buona parte dei guadagni deriva prettamente dalle serate. Un bartender che offre le sue prestazioni in un locale medio può ricevere 50 euro a serata, ma per gli eventi più esclusivi si può arrivare anche fino a 400 euro.

Le cifre sono molto oscillanti e con un ottimo lavoro potresti anche arrivare a ben 4000 euro al mese, ovviamente con tutta l'esperienza e la padronanza necessarie. Sappi comunque che per raggiungere queste somme devi assumere una certa credibilità nel tuo settore, diventando un profilo ambito dalle varie realtà.

I migliori bartender italiani

I MIGLIORI BARTENDER ITALIANI

 

Quali sono i migliori bartender italiani, capaci di ottenere un'elevata cassa di risonanza anche a livello internazionale? Ecco alcuni dei personaggi ai quali dovresti ispirarti per raggiungere grandi soddisfazioni nel settore:

  • Fabio Raffaelli, di Pavia, è riuscito a trovare lavoro a New York ed è il Bar Director della faraonica azienda Apicii. Nel corso della sua brillante carriera, è riuscito a dare vita a diversi signature cocktail, nati dai mix di ingredienti variabili in base ai rispettivi contesti.
  • Salvatore Calabrese, di Maiori (SA), vanta l'eloquente soprannome di Maestro. Dopo aver intrapreso una lunga gavetta nei pressi della sua città, è stato assunto nel prestigioso Dukes Hotel di Londra, oltre ad essere proprietario di diversi bar a Las Vegas e Hong Kong. Tra le sue creazioni segnaliamo il Legacy, noto come il cocktail più costoso al mondo con un prezzo che supera anche i 6000 euro a bicchiere.
  • Francesco Cione, di Milano, si ispira a Calabrese e ha raggiunto le finali della Wordclass nel 2015, diventando un bartender di fama globale. 
  • Matteo Zamberlan di Roma, detto Zed, ha acquisito esperienza in numerosi locali della sua città. Col passare degli anni, è sbarcato fino al famoso High Five di Tokyo. Ha sempre puntato su una passione infinita in occasione delle sue apprezzate lavorazioni.
  • Luca Cinalli, di Casalbordino (CH), lavora attualmente nel NightJar di Londra in qualità di bar manager e ha tutta l'intenzione di continuare a stupire.

I 5 corsi più famosi PER bartender

BARTENDER CORSI

 

Hai il desiderio di diventare come Salvatore Calabrese o Fabio Raffaelli? Hai la chance di prendere parte a corsi organizzati da scuole di primissima categoria nell'ambito dei bartender. Ecco quali sono:

  • La Flair Bartender’s School lavora a Napoli e Roma e ospita un corso di base e uno avanzato.
  • La Mixology Academy è una vera e propria accademia con sede a Roma, in grado di contenere ben 93 postazioni. Oltre al corso di base da 52 ore, garantisce 8 ore di stage lavorativo presso un locale.
  • La Planet One è presente in Italia con ben otto sedi e fornisce diverse opportunità di corsi, dal Base all'Advanced passando per il definitivo Old Style Drinks.
  • La Flair Academy Milano si trova nel capoluogo lombardo ed è in grado di rilasciare un attestato valido in tutta Europa. Ci sono corsi di base e di specializzazione, oltre a lezioni riservate a chi adora il bartending acrobatico.
  • La Drink Factory Bologna ha sede nella città emiliana e ospita corsi di American Bar, miscelazione avanzata e caffetteria, oltre a seminari periodici da non perdere.

 

SEI UN BARTENDER E VUOI FARTI TROVARE DA CHI STA ORGANIZZANDO UNA FESTA?

ISCRIVITI A EVENTONIC.IT

 

Iscriviti GRATIS 

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cosa cerchi?